mercoledì 15 giugno 2016

Come friggere senza lasciare cattivi odori?

Come friggere senza lasciare cattivi odori?
La frittura, all'italiana, mista, di pollo, di patate, di carciofi o di mare, è buonissima anche se non è uno degli alimenti più salutari al mondo, ogni tanto, mangiare una frittura di pesce, o solo le semplicissime patatine fritte, ci rallegrano un momento della nostra vita.

Ma come molti alimenti che si consumano in modo conviviale, li cuciniamo proprio quando siamo in compagnia, viene a trovarci a casa qualche amico o parente, come nelle feste natalizie o per un compleanno o solo per una domenica in compagnia.

E qui che si consuma il dramma.

Quando friggiamo gli odori di fritto si attaccano ovunque, e sembra non andare più via per giorni. Scopriamo qui di seguito qualche consiglio semplice ed efficace contro questo nemico invisibile, ma che si fa sentire molto bene:
I primi consigli sono di buonsenso:

1 - Usare olio nuovo, pulito, non rigenerato, filtrato, vecchio e rancido (che fa molto male ed è pericoloso per la slute).

2 - Usare olio di qualità, quelli a basso costo spesso sono un mix di oli, si ma quali oli? e da dove provengono? chi li a miscelati e come? Quindi leggere attentamente l'etichetta. E' meglio poche fritture ma buone.

3 - Avere un filtro della cappa pulito e funzionante. (un filtro vecchio può puzzare pià di 100 fritture).

4 - Prima durante e dopo la frittura fare in modo di areare la cucina, in modo da far circolare l'aria, se avete freddo mettete un cappello di lana o fate friggere ad altri.

5 - Chi frigge deve usare capi di abbigliamento che una volta fritto bisogna cambiare, i tessuti assorbono molto l'odore del fritto oltre ai vapori con i relativi grassi. In poche parole dopo aver fritto cambiarsi è meglio.

6 - Come abbiamo visto i tessuti assorbono molto i cattivi odori, meglio chiudere le stanze con tendaggi, letti e divani.

Poi ci sono alcuni trucchetti per arginare questo fastidioso problema in fase di frittura:
Come eliminare la puzza di frittura?
- La fetta di mela, basta uno spicchio di mela nell’olio ancora freddo. Questo metodo arresta il fumo ed elimina il cattivo odore che ne consegue. Alcuni usano una costa di sedano pare abbia lo stesso effetto.

- La buccia di limone, anche in questo caso va inserita una buccia di limone nella padella della frittura, questa sprigionerà i suoi oli essenziali durante la cottura ed annullerà il tanfo di frittura. Si può usare anche il succo del limone, ma la buccia contiene gli oli essenziali, quindi la performance sarà sicuramente migliore.

- L’aceto è per sua natura un disattivatore di odori, quindi facendo bollire dell’aceto dopo la frittura, l’odore di fritto sarà neutralizzato da quello dell’aceto. Si è vero poi resta quello dell'aceto, che però va via più velocemente rispetto al fritto.

- Il prezzemolo, immergere un fascetto di prezzemolo nella pentola del fritto, ed il fumo e la puzza scomarirà tempestivamente.

- Chiodi di garofano, queste spezie fatte bollire in un pentolino accanto a quella della frittura, aiuta a rimuovere l’odore della frittura. Ma tra tutti è quello meno efficace e più laborioso. Alcuni aggiungono l'alloro, altri fanno bollire l'ammorbidente per la lavatrice, che pare sia efficace, ma fa la schiuma e comunque bisogna usare un'altra pentola ecc.

- L'ultimo consiglio, quello efficace al 100% supertestato contro il cattivo odore del fritto, è quello di andare a mangiare fuori, al ristorante, al chiosco o da amici e vedrete che in casa non si sentirà nulla.

Buon appetito!

1 commento :

  1. Ciao, ho provato ad usare l'aceto dopo la frittura ed effettivamente va via la puzza del fritto ma è troppo pungente l'aceto in ebollizione, invece il limone è davvero ottimo. Grazie per la dritta.

    RispondiElimina